STILL: Capitolo 4

Team editoriale

Vi diamo il benvenuto al quarto capitolo di STILL – Studi sulle immagini in movimento, una piattaforma sperimentale di ricerca attraverso la quale Fondazione In Between Art Film espande il proprio sostegno al dibattito intorno alle immagini in movimento.

Abbiamo il piacere di condividere con voi una nuova raccolta di studi inediti che, a partire da opere di immagini in movimento, immaginano nuovi approcci ai modelli epistemologici contemporanei, e che, a partire da progetti curatoriali di straordinaria rilevanza, indagano il rapporto tra arte e cinema.

Il quarto capitolo si apre con una conversazione intima e profonda tra l’artista Hiwa K e Bonaventure Soh Bejeng Ndikung, fondatore e direttore artistico di SAVVY Contemporary, Berlino. In questo viaggio poetico, Hiwa K ci guida nell’esplorazione dei concetti di trasformazione, transizione e trascendenza attraverso alcuni dei suoi lavori video più importanti, come Nazha and the Bell Project (2007–15), Pre-Image (Blind as the Mother Tongue) (2017), e View from Above (2017), che fanno parte della nostra Collezione.

Si continua con l’avvincente saggio “A proposito di viriditas, forse veritas e virtualità” della scrittrice, curatrice indipendente ed educatrice Barbara Casavecchia. A partire dall’installazione multimediale Power Plants dell’artista Hito Steyerl, che abbiamo avuto il piacere di co-produrre nel 2019 in occasione della sua mostra personale presso Serpentine Galleries di Londra, Casavecchia evoca i limiti dei macro modelli epistemologici contemporanei nel loro disegno astratto della realtà alla luce della viriditas botanica di Ildegarda di Bingen.

Segue “Tra arte e film,” uno studio approfondito di Erika Balsom, professoressa di studi cinematografici al King’s College di Londra, dove ripercorre gli albori dell’interesse nei confronti del cinema e delle sue modalità espositive da parte dell’arte contemporanea attraverso la storica mostra Passages de l’image, tenutasi al Centre Pompidou di Parigi nel 1990.

Infine, Teresa Castro, professoressa associata in studi cinematografici presso la New Sorbonne University – Parigi 3, esamina la nostra recente acquisizione filmica The Heart of a Tree (2020) dell’artista Clare Langan. In “I Terrestri, o The Hearth of a Tree,” Castro inquadra il film di Langan in un dibattito più ampio sulle possibilità speculative della fantascienza nell’immaginare il futuro dell’umanità tra le gravi minacce della crisi climatica che il mondo sta affrontando.

Vorremmo ringraziare coloro che hanno partecipato e che, attraverso l’eccellenza delle loro studi, hanno contribuito a questa collezione di testi condividendo le loro ricerche e intuizioni con un pubblico più ampio. Speriamo che questo viaggio attraverso le immagini in movimento vi possa fornire prospettive nuove.

La redazione di STILL